Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/system/vivistats/vivistats.php on line 25

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/system/vivistats/vivistats.php on line 26

Strict Standards: Declaration of JParameter::loadSetupFile() should be compatible with JRegistry::loadSetupFile() in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/libraries/joomla/html/parameter.php on line 512

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/system/vivistats/vivistats.php on line 32

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 364

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 370
Storia
Get Adobe Flash player

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/modules/mod_date2/mod_date2.php on line 37

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

storia della parrocchia san pietro legnano

La parrocchia San Pietro di Legnano (quartiere Canazza) è nata il 1° novembre 1972 ma affonda le sue radici negli anni precedenti al suo costituirsi come parrocchia. La sua fondazione, infatti, può considerarsi il risultato finale, e allo stesso tempo iniziale, di una presenza identificabile in un gruppo di persone che seppero, con il loro impegno di testimonianza e di missionarietà nei confronti degli abitanti del quartiere Canazza, far lievitare una coscienza di appartenenza alla comunità cristiana viva ed operante nel contesto socio-culturale del quartiere.

Il saluto di don Gianni alla comunità

Non è un momento facile questo per me. Conclude una permanenza di 12 anni, nei quali ho condiviso con voi gioie e dolori, progetti e realizzazioni, amicizie e rapporti di stima, ma soprattutto abbiamo condiviso la fede nel Signore Gesù, in modo particolare celebrando ogni domenica l’eucaristia con voi. Quel pane vivo disceso dal cielo, di cui ci ha parlato Gesù nel vangelo, offerto ogni domenica è stato il cuore del cammino di questi 12 anni con voi. Tutto è venuto da lì.

Quanti ricordi si affollano nella mente e nel cuore! Il mio primo anno non fu facile: imparavo lentamente ad essere responsabile in toto di una parrocchia, venivo da un ambiente diverso, c’era la fatica di entrare in sintonia con una storia che mi aveva preceduto e nella quale mi inserivo. Poi gradualmente la conoscenza di tante persone, dei ragazzi, la collaborazione preziosa di Madre Assunta, l’oratorio estivo, le vacanze in montagna ad Auronzo, a Lappago, al Passo Falzarego… I primi bambini che ho battezzato, e che ora sono alle soglie della cresima, i ragazzi che sono diventati adolescenti e poi giovani, le coppie di sposi che ho visto iniziare il loro cammino e che ora hanno dei figli, gli anziani e le anziane della Casa di Riposo, che mi hanno sempre voluto molto bene, i tanti e le tante che ho accompagnato nell’ultimo passaggio da questa vita.

Leggi tutto: Il saluto di don Gianni alla comunità

Vita parrocchiale dal 1993 al 2001

Con l'inizio del 1993 la parrocchia rivive il cambio del parroco: a don Felice Carnaghi subentra don Lucio Galbiati.

Durante il suo mandato, in parrocchia si rende sempre più evidente il disagio giovanile. La comunità sembra non riuscire più ad aggregare: i giovani ruotano attorno ad essa ma non assumono impegni significativi, non si sentono appartenenti ad essa e via via lasciano del tutto il riferimento parrocchiale. Qualcuno frequenta ancora l'Eucaristia domenicale, i più volonterosi qualche volta partecipano alla catechesi. Ma è solo questione di tempo: man mano che passano le settimane la fede acquista sempre più valenza esclusivamente privata e, sotto l'influenza della mentalità corrente, ognuno se ne va per la sua strada.

Il 27 settembre 1998 è una data storica per la vita della comunità: il Card. Carlo Maria Martini consacra la chiesa parrocchiale, ristrutturata, intitolandola al patrono della parrocchia san Pietro apostolo. La comunità vive con gratitudine e fede il momento in cui, dopo tanti sforzi,può vedere coronato con successo il frutto di tante fatiche. E' anche il momento in cui la comunità si riconosce matura, capace di dotarsi di strutture rispondenti ai suoi bisogni, primo fra tutti uno spazio consacrato definitivamente al culto di Dio. L'Arcivescovo esorta e incoraggia il cammino di fede di ciascuno e della comunità e mostra vivo apprezzamento per l'opera compiuta.

Vita parrocchiale dal 2001 al 2006

Il 1° settembre 2001 la parrocchia vive per la terza volta il cambio del parroco: a don Lucio Galbiati subentra don Gianni Cazzaniga e contemporaneamente inizia il suo servizio anche madre Assunta Ronchetti (canossiana), che affianca il nuovo parroco nella conduzione dell'oratorio e nell'organizzazione della catechesi dell'iniziazione cristiana, oltre ad occuparsi anche della visita degli ammalati. Dopo meno di due mesi dall'arrivo del nuovo parroco vengono rinnovati (come in tutta la Diocesi) il Consiglio Pastorale e quello degli Affari Economici. Dietro sollecitazione della Curia, si avvia subito un confronto con la società di calcio A. C. Canazza (nata all'interno della parrocchia) per definire il suo nuovo assetto e per costituirla in associazione collegata alla parrocchia ma autonoma dal punto di vista legale ed amministrativo. Molto spazio viene data all'impostazione dell'aspetto educativo. I primi mesi del 2002 vedono l'impegno a preparare la visita pastorale del Card. Carlo Maria Martini, che si effettua domenica 7 aprile 2002. Iniziano anche diversi lavori di ristrutturazione, che nel giro di alcuni anni, vedono. tra gli altri, la sistemazione della cappellina dedicata a san Pietro, il rifacimento della cucina e del bar, il rifacimento dei tetti della parrocchia e dell'oratorio, il campo di basket/pallavolo, il campetto di calcio, le pavimentazioni esterne dell'oratorio, la messa a norma degli impianti elettrici e di sicurezza,la razionalizzazione e computerizzazione dell'impianto di riscaldamento, l'allestimento del palco/teatro, nuove piantumazioni... A fine 2002 viene istituito il Consiglio dell'Oratorio.

Nell'anno pastorale 2002-2003 vengono ripensate le impostazioni dei cammini di catechesi dell'iniziazione cristiana e degli incontri rivolti ai genitori. Verso fine anno pastorale si impostano, per il successivo, anche il cammino di catechesi per gli adulti e la costituzione dei Gruppi di Ascolto della Parola, con l'aiuto di alcuni responsabili diocesani.

Leggi tutto: Vita parrocchiale dal 2001 al 2006

Vita parrocchiale dal 1984 al 1993

Nell'anno 1984 si ebbe il primo cambio della guardia della parrocchia: a don Enrico Lazzaroni succedette don Felice Carnaghi. A lui nel 1987 si affiancò, dopo la partenza delle Suore Operaie, madre Antonia Luzzana, Canossiana, che nella sua lunga permanenza (13 anni) lasciò un ricordo indelebile in generazioni di ragazze e ragazzi che seguì nel cammino di fede e nell'animazione dell'oratorio; preziosa fu la sua opera anche con i loro genitori e con gli ammalati, che seguì amorevolmente.

Nei nove anni di permanenza a Legnano come parroco di San Pietro, don Felice Carnaghi si pose sostanzialmente due obiettivi: irrobustire la vita della comunità parrocchiale e formare un laicato adulto e responsabile. A suo giudizio, si trattava infatti di uscire dal periodo pionieristico della parrocchia per dotarla di strutture e di organizzazione stabile; occorreva sollecitare la presenza di gruppi e di movimenti, instaurando legami permanenti con il decanato e la diocesi e quindi facendo rifluire stimoli positivi a San Pietro; si doveva far capire a tutti che parrocchia e quartiere - pur così strettamente connessi tra loro e chiamati anzi ad una feconda collaborazione - non erano la stessa cosa e avevano in verità finalità diverse. Dato per scontato l'impegno di evidenziare la specificità della comunità parrocchiale, don Felice insisteva sulla necessità di passare rapidamente all'edificazione di organismi e strutture quali la Caritas, l'oratorio e il Consiglio Pastorale Parrocchiale.

Tutto questo lavoro presupponeva però una chiara e condivisa idea di chi fosse e dovesse essere il fedele laico. Su questo punto insistette "a tempo e fuori tempo", sollecitando ciascuno a prendere coscienza della propria vocazione personale e, di conseguenza, dell'approdo fattivo da dare alla vita della comunità. Durante la sua presenza si realizzò l'attuale struttura oratoriana.

Sottocategorie