Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/system/vivistats/vivistats.php on line 25

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/system/vivistats/vivistats.php on line 26

Strict Standards: Declaration of JParameter::loadSetupFile() should be compatible with JRegistry::loadSetupFile() in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/libraries/joomla/html/parameter.php on line 512

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/system/vivistats/vivistats.php on line 32

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 364

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 370
Archivio la Vigna sul Colle
Get Adobe Flash player

Accedi


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/modules/mod_date2/mod_date2.php on line 37

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.parrocchiacanazza.it/home/BackUpSitoVecchio/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 430

giornale dell'oratorio san pietro legnano

logo la vigna sul colle, giornale dell'oratorio san pietro legnano (canazza)

storia la vigna sul collearchivio numeri la vigna sul colle

redazione la vigna sul colleEccoci nella sezione "archivio" de La Vigna sul Colle, il giornale dell'Oratorio San Pietro Legnano che da quasi trent'anni porta nelle case dei legnanesi della Canazza news, avvisi, informazioni ma anche articoli e riflessioni dei ragazzi del quartiere. Ogni mese i ragazzi dell'Oratorio si danno da fare per fornire uno strumento che sia utile a tutte le realtà parrocchiali. Qui sotto trovi l'Archivio con i file in pdf de "La Vigna" e, più in basso, gli articoli degli ultimi numeri.

Puoi votare il tuo articolo preferito! Facci sapere cosa ti piace di più de "La Vigna sul Colle"!

       
    1 Speciale Oratorio Estivo 2016
 
   


Scarica il n°6 Scarica il numero di Ottobre de "La Vigna sul Colle"
 La Vigna sul Colle n.1 di settembre 2014      
 Aprile 2014      Dicembre 2013 numero 4 la vigna sul colle numero di novembre
la vigna sul colle di ottobre

la vigna sul colle di settembre 2013

SPECIALE ESTATE 5 La Vigna sul Colle SPECIALE ESTATE 4 La Vigna sul Colle SPECIALE ESTATE 3 La Vigna sul Colle SPECIALE ESTATE 3 La Vigna sul Colle
SPECIALE ESTATE 1 La Vigna sul Colle  la vigna sul colle di giugno 2013  La vigna sul colle MAGGIO 2011  La vigna sul colle MARZO 2011  la vigna sul colle LUGLIO 2010  La vigna sul colle GIUGNO 2010
 La Vigna sul Colle MAGGIO 2010  La Vigna sul Colle APRILE 2010  La Vigna sul Colle MARZO 2010  La Vigna sul Colle FEBBRAIO 2010    
           
           

 

 

 

Le tagliatelle

Valutazione attuale:  / 0
Nonna domani veniamo da te, devi farci le tagliatelle al ragù: il tono imperativo non ammette discussioni. Non è finita perchè le tagliatelle devi tirarle col mattarello!
Quelle della macchinetta sembrano fatte dalla Barilla.
Queste sono le ordinazioni dei miei nipoti per il loro pranzo di domani.
Il mattarello e’ faticoso da usare ma il risultato è eccezzonale: io faccio finta di ribellarmi ma poiché la cosa mi inorgoglisce molto sono felice di obbedire.
Mi ritengo una nonna fortunata perchè anche se questa forma di ordinare le tagliatelle è imperativa la ritengo comunque un segno di stima considerazione e affetto: di solito i giovani hanno poca fiducia degli anziani in cucina.
A parte le tagliatelle che in Romagna sanno farle ancora bene, la gioia che provo ad accontentarli sta’ anche nel fatto di non perdere le belle tradizioni della cucina regionale a cui i nostri vecchi tenevano tanto.
Ai miei tempi , quando una ragazza prendeva marito oltre al corredo che doveva prepararsi da sola , la cosa importante che doveva saper fare erano le tagliatelle.
Le mie nonne erano state le mie insegnanti severe decise ma molto affettuose.Mi mettevano in guardia dalle critiche della suocera perche’ dicevano che sarebbe stata una rivale perfida e tremenda. I miei amarcord
sono sempre pronti a riaffiorare belli e nostalgici, perciò ringrazio i miei nipoti e chiunque me li rinverdisce.
 

Liberi davvero

Valutazione attuale:  / 0
Vorremmo fare in modo che i ragazzi possano crescere liberi, dando loro l’opportunità di scegliere bene e di scegliere il bene, prendendo sempre più la ferma decisione di seguire il Signore Gesù, fino alla piena realizzazione di sé, in una felicità che dura per sempre.
Vorremmo che di fronte alla proposta del Signore, i ragazzi trovino il coraggio di una scelta libera e che niente, come la ricchezza ha impedito a quel giovane di dire il suo
«sì», li vincoli (cfr. Icona evangelica dell’anno – Mt 19, 16-22).
In oratorio diremo che liberi si diventa se si punta in alto e ci si mette in movimento, se si esce di casa, donando il proprio tempo,per incontrare gli altri e fare loro del bene.
Saremo convinti che quanto più si sceglie il bene, tanto più si diventa liberi,in un continuo esercizio che prevede costanza ma chiede anche di rischiare,senza scendere sempre a compromessi. Questa certezza la comunicheremo ai più giovani, facendo delle proposte a cui dire il proprio «sì», non per costrizione od obbligo, ma volentieri e perché «ci si crede», per la bellezza e la bontà che riusciamo a dimostrare loro.
«Liberi davvero» è lo slogan dell’animazione del tempo di Quaresima nell’anno oratoriano Scegli (il) bene.
La Quaresima è il tempo della libertà.
Lo diremo ai ragazzi facendo riferimento al dono che abbiamo ricevuto nel Battesimo che si può rinnovare
ogni volta grazie al Sacramento della Riconciliazione.
La Confessione diventa lo strumento più bello perriconoscersi ogni volta «liberi davvero». È diventata una «abitudine» per i ragazzi dei nostri oratori?
La riproporremo in Quaresima all’interno di celebrazioni che diano il senso della liberazione dal male e dal peccato e restituiscono la dignità e la libertà dei figli di Dio, che abbiamo ricevuto in dono dal Padre.
Il cammino quaresimale è fatto per chi è libero davvero. Solo chi sceglie e sceglie il bene può fare propri gli impegni di digiuno, preghiera, elemosina.
Che cosa proporre ai ragazzi delle diverse fasce d’età perché scelgano di rinunciare a qualcosa per il bene
di tutti, di dedicare ogni giorno uno spazio alla preghiera e di vivere la carità
facendosi carico per quanto è possibile della povertà e dei poveri?
Il Vangelo è davvero la Buona Notizia che ci dice che siamo «liberi davvero»perché le persone incontrate da Gesù sono state liberate dal male, dall’insicurezza, dal peccato e dalla tristezza. È Lui che ha restituito a ciascuno la dignità e la forza di vivere in modo nuovo.
A ciascuno ha chiesto di cambiare vita,diventando «protagonista» della propria esistenza, nell’accoglienza del suo amore e del suo messaggio: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei
discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi» (Gv 8, 31-32).
La conoscenza del Vangelo conduce alla libertà e alla capacità di scegliere il
bene. Troveremo insieme le forme perché i ragazzi conoscano i Vangeli, ne
abbiano confidenza, anche pregando con l’aiuto della Parola.
In particolare faremo sì che capiscano il messaggio andando in profondità, mettendo in relazione ogni parola del Vangelo con la propria vita.
Ogni comunità educante si sforzerà di trovare il linguaggio più opportuno per riuscire in questo obiettivo, proponendo ai ragazzi di prendere ancora più confidenza con il Vangelo.
Le Domeniche del tempo di Quaresima nel rito ambrosiano formeranno un itinerario in cui riscoprirsi«liberi di...», proprio a confronto con le persone che lo hanno incontrato:la Samaritana, i discepoli che hanno
creduto, il cieco nato, Lazzaro, Marta e Maria, ecc.
L’animazione che riusciremo a costruire potrà comunicare ai ragazzi la bellezza di mettere in gioco la propria libertà, a confronto con la vita esemplare di chi si offre al servizio degli altri in oratorio o nella comunità e nelle diverse forme della carità cristiana, che possono essere imitate, se chi vive così ha la possibilità di testimoniare le sue scelte ai più piccoli.
Che cosa fare in questo senso?
Sarà importante che le persone che hanno scelto il bene liberamente possano dimostrare ai più piccoli
che sono «libere davvero».
La libertà si esprime in oratorio se si dà libera espressione alla vitalità dei ragazzi, al loro desiderio di ritrovarsi e di giocare, di stare insieme divertendosi,di mettere in mostra i propri talenti, magari impostando insieme uno spettacolo, oppure facendo della musica o raccontando attraverso dei video la bellezza
della «libertà» in oratorio (la Campagna Cresciuto in oratorio con il riferimento ai laboratori per i ragazzi degli oratori).
La domenica avrà bisogno di occasioni di pura animazione, a cui associare forme semplici per ritrovarsi un poco a pregare.
La preparazione alla Visita di Papa Francesco del 25 marzo che vedrà anche gli oratori presenti alla Messa a Monza vedrà più serate da passare insieme in oratorio per predisporre striscioni o cartelli o slogan per il tragitto verso il Parco.
Nel corso degli incontri del venerdì del gruppo adolescenti e preado prepareremo insieme la visita
dal Papa.
Le iscrizioni per partecipare alla visita di Papa Francesco sono aperte.
Noi dunque crediamo nella forza liberante del Vangelo e nella sua capacità di provocare scelte di bene, anche nel cuore dei ragazzi, che sono liberi di farsi affascinare dal Signore Gesù e dalla sua Parola.
Occorre però sollecitare la loro capacità di discernere, di distinguere il bene dal male, di mettere in relazione
la vita con il Vangelo.
Occorre dare loro elementi per essere forti nel resistere al male e per esercitare la volontà che permette a ciascuno di essere costante.
Volontà, resistenza, costanza sono «parole chiave» che, se si mettono in pratica ogni giorno, possono – con l’aiuto di chi educa – far percepire anche fra i più piccoli che si è «liberi davvero».
Tutto quanto contribuisce alla libertà crea le condizioni perché la vocazione di ciascuno si realizzi.
Non c’è infatti vocazione senza libera scelta.
 

Benvenuto Papa Francesco

Valutazione attuale:  / 0
Dopo la visita nel 2012 di Papa Benedetto XVI in occasione della Giornata Mondiale delle famiglie, sabato 25 Marzo 2017 un Papa torna a Milano.
E che Papa! Il nostro amatissimo Papa Francesco, che per questa giornata storica ha predisposto un programma intensissimo, incontrerà tutti i fedeli ambrosiani (e non solo... arriveranno pulman da ogni parte della Lombardia e delle regioni vicine).
La visita del 25 marzo è un grande dono, espressione dell’affetto che il Santo Padre nutre per la nostra gente.
L’intenso itinerario che papa Francesco percorrerà il 25 marzo, dalle Case Bianche al carcere di San
Vittore, dal Duomo di Milano al parco di Monza per la celebrazione della Santa Messa, fino all’incontro con i cresimandi e cresimati allo stadio di San Siro, è il segno più eloquente di una proposta che si rivolge alla libertà di tutti.
Questo evento spirituale accade significativamente mentre la visita pastorale "feriale" del nostro arcivescovo Angelo Scola alla diocesi si trova ormai nella sua ultima fase e si lega così profondamente al cammino di riforma della Chiesa in atto anche tra noi.
Il programma
Alle 8.00 è previsto l’arrivo all’aeroporto di Milano-Linate, dove sarà accolto dall’arcivescovo di Milano, il car
dinale Angelo Scola, e dalle istituzioni.
PRIMA LE PERIFERIE
La prima tappa, alle 8.30, alle Case Bianche di via Salomone-via Zama, nella periferia di Milano: Papa Francesco alle 9.00 sul piazzale, rivolgerà un breve saluto e incontrerà i rappresentanti delle famiglie resi
denti e disagiate.
IN DUOMO
Poi lo spostamento in auto verso il Duomo,con arrivo previsto alle10.00.
In Cattedrale si recherà nella Cappella dove riposa il corpo di san Carlo Borromeo.
Qui il Papa si soffermerà per l’adorazione del Santissimo Sacramento e la venerazione delle reliquie di San
Carlo; quindi incontrerà i sacerdoti e i consacrati.
L'ANGELUS IN PIAZZA
Alle 11.00 saluterà i fedeli radunati in piazza Duomo e reciterà l’Angelus.
DAI CARCERATI
Quindi, il trasferimento al carcere di San Vittore, dove incontrerà i detenuti ed entrerà in alcune celle.
Alle 12.30, nel Terzo raggio, il pranzo con 100 detenuti.
LA S. MESSA A MONZA
Alle 13.45 Papa Francesco lascerà San Vittore e si trasferirà in auto al parco di Monza.
Nella zona della sacrestia sarà accolto dalle autorità locali e avrà un breve incontro con i vescovi concelebranti e gli organizzatori della visita.
Alle 15.00 avrà inizio la concelebrazione eucaristica, dopo la quale il cardinale Scola porgerà il suo «grazie» al Papa.
A S. SIRO L'INCONTRO CON I CRESIMANDI
Alle 16.30 il trasferimento per l’ultima tappa allo Stadio Meazza a San Siro dove, alle 17.30, incontrerà i cresimandi.
RITORNO A ROMA
Alle 18.00 Papa Francesco lascerà lo stadio Meazza e raggiungerà l’aeroportodi Linate, dove alle 18.30 è previsto il congedo. Alle 19.30 l’atterraggio all’aeroporto di Ciampino.
Come partecipare?
Partiremo con il treno delle 9.20 dalla Stazione di Legnano (Costo: 9.60 Andata e Ritorno. Si paga il 25 Marzo). Il ritrovo è alla stazione, chi non può arrivare direttamente in Stazione può contattare Mirko (ROL Parrocchiale) al 338 6679906. Il ritorno è previsto per la serata.
L’INGRESSO AL PARCO È GRATUITO E LE ISCRIZIONI SI RACCOLGONO SOLO IN PARROCCHIA. CHI DESIDERA
PARTECIPARE DEVE SEGNARE IL NOME E COGNOME.
La segnalazione del solo
nome o del solo cognome è considerata nulla. È CONSIGLIATA ANCHE LA SEGNALAZIONE A MIRKO DEL NUMERO DI CELLULARE PERSONALE.
Il Pass per accedere al Parco che verrà consegnato dalla Diocesi non è personale, ma sarà dato solo al capogruppo. Per questo entreremo non a gruppi ma tutti insieme.
 
PER PARTECIPARE ISCRIVITI DA MIRKO
(338 6679906 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
IL PARCO DI MONZA
 

Una visita speciale

Valutazione attuale:  / 0
Venerdì 25 febbraio abbiamo ricevuto una visita importante.
Proprio da noi ,a legnano, è arrivato l'Arcivescovo di Milano, il Cardinale Angelo
Scola.
Eravamo lì, noi della canazza, con lo striscione e le bandierine azzurre.
Ci siamo ritrovati davanti alla chiesa di San Magno,dove due giovani hanno interpretato una riadattamento dei promessi sposi, un dialogo fra Lucia e l'innominato che parlano appunto di questa visita.
Era presente davvero molta gente. Il cardinale ci ha dato la sua benedizione e ha espresso un desiderio: avremmo dovuto, nei giorni seguenti, trasmettere tale benedizione ai nostri compagni e amici che non erano presenti.
Abbiamo concluso con un ballo e ci siamo salutati.
Il cardinale è poi andato all'istituto Tirinnanzi.
Mi risulta ancora difficile riuscire a credere a questa visita, così importante.
Credo che siamo stati fortunati!

Torniamo al parco Acquatico

Valutazione attuale:  / 0
Continua l'Oratorio domenicale dell'Anno Oratoriano 2016-2017.
Il tempo diventa più bello... e sale subito la voglia di estate.
Allora il nostro Oratorio propone per domenica 2 Aprile una Gita al Parco Acquatico Acquaworld. Qualcuno
già lo conosce da tempo... qualche mamma lo ha scoperto solo lo scorso settembre in occasionedello "Scegli il bene Camp" e se ne è subito innamorata.
Acquaword è il primo parco acquatico coperto in Italia.
Il parco occupa una sperficie di circa 35.000 m2, tra aree coperte e scoperte.
La parte indoor è coperta con 3 cupole trasparenti di Etfe, un materiale utilizzato per l'Allianz
Arena di Monaco e il Water Cube di Pechino.
L’Acquaworld è suddiviso nelle seguenti zone:
Adventureworld: area divertimento con gli scivoli;
Funworld: area comprendente una piscina coperta con onde e geyser e
una piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno con una fontana;
Relaxworld: area con vasche idromassaggio, stanze del vapore, cascate e
una vasca esterna salina riscaldata e aperta tutto l’anno.
Miniworld: area piscine riservata ai bambini, con animatori e zona per mamme;
Summerworld: area estiva nel verde con piscine, attrezzata con sdraio
Ristoworld: area ristoro provvista di due bar e un ristorante;
Caratteristiche del parco:
12 vasche; 2.150 m² di specchi d’acqua; 9 scivoli di ultima generazione, per un totale di 1.100 m complessivi;
Gli scivoli:
Magic Eye: quello meno adrenalinico, compie qualche giro, è rosso e si fa con 1 o 2 gommoni; Green Python: compie molti giri concentrici, è verde e si usano 1 o 2 gommoni; Ice Express: a dispetto del nome, contiene acqua molto calda, è blu ed ha molte discese ripide e veloci, da soli, sdraiati; Blue Speed: blu, compie un'unica e velocissima curva, molto allargata, si fa sdraiati.
E tanti altri...
Iscrizioni alla Gita aperte da Mirko (338 6679906). Si va con le macchine in condivisione. 

Il Tema di questo mese l'arcivescovo Angelo Scola

Valutazione attuale:  / 0
Tempo di visite importanti.
Mai così tante per la nostra Parrocchia!
Venerdì 24 Febbraio il Cardinale Angelo Scola ha visitato la nostra città.
Nelle prossime pagine troverai uno speciale sulla Visita Pastorale, con una intervista al Decano di Legnano Don Fabio Viscardi e le prossime tappe della visita, che segnerà anche il futuro della nostra comunità.
Poi c'è la visita a Milano di Papa Francesco, in programma per sabato 25 Marzo.
Un evento unico, imperdibile.
Lo ha sottolineato lo stesso Arcivescovo nel corso della riunione dei ROL, cioè i responsabili dell'organizzazione locale (c'era anche Mirko): "Il faccia a faccia con il Papa è insuperabile. Incontrare
il Santo Padre di persona, ricevere questo dono di cui ha voluto gratificarci scegliendo la nostra città è un’esperienza che segna la nostra vita a e ci dà entusiasmo e gioia per continuare". Tutti siamo invitati a questo evento straordinario!
Ma la visita più importante è sempre quella di Gesù, che nell'Eucarestia si rende presente.
Domenica 5 Marzo inizieremo la Quaresima, con una proposta specifica (Liberi davvero) e appuntamenti per tutti i ragazzi (lavia crucis del venerdì, ad esempio) e per le singole classi.
Trovi in questo numero le date delle domeniche insieme e dei principali eventi di Quaresima.
Tra i tanti i Quaresimali del venerdì, che partiranno il 10 Marzo.

Mercoledì in Oratorio

Valutazione attuale:  / 0
In questi bei giorni di febbraio l'Oratorio sembra rinascere piano piano.
Così pieno di verde, gli ampi spazi esterni, che d'estate rendono il nostro
Oratorio così bello, d'inverno rischiano di trasformarlo in un luogo un po' triste, tra le piante senza foglie e l'erba che si dirata sul campo.
Il mercoledì però è sempre una gioia vedere tanti bambini riempire il saloncino al primo piano dell'Oratorio.
Tra qualche partitella al calcio balilla, qualche puzzle,l'immancabile gara con la pista delle macchinine e la merenda, i ragazzi trascorrono sempre qualche ora di divertimento.
Nelle ultime settimane il bel tempo ha già spinto qualche bambino a divertirsi e giocare fuori dal saloncino e, con l'arrivo della primavera, sappiamo che accadrà sempre di più.
Un grande grazie a tutte le mamme e agli Animatori Matteo, Nancy e Asia che tutti i mercoledì danno una mano all'Oratorio dimostrando quanto è bello scegliere settimana dopo settimana il Bene.
Il Corso d'inglese
Da qualche settimana, grazie alla disponibilità della Maestra Caterina, mamma delle nostre Camilla e Matilda, è partito un Corso di inglese per tutti i bambini e i ragazzi dell'Oratorio al 1° piano (sopra la Chiesa).
Il corso è completamente gratuito ed è rivolto a tutti quei bambini e quei ragazzi che fanno un po' fatica con le lingue.
Per partecipare vieni direttamente mercoledì prossimo!
 

La scintilla

Valutazione attuale:  / 0
La scintilla mi riporta molto indietro negli anni con un po’ di nostalgia e tanti ricordi.
Le scintille dei fuochi di bivacco che salivano crepitando verso lo scuro del cielo, lasciandomi ipnotizzato ed incantato.
Ricordo che anche durante le chiacchierate, i canti o le scenette,non riuscivo a staccare lo sguardo dalla moltitudine di stelline che volavano verso il cielo.
I bastoncini di carnevale che accesi sprigionavano una moltitudine di luminose scintille,per non parlare dei tradizionali fuochi d’artificio di fine anno o a ferragosto in riva al mare, in un tripudio di colori e composizioni.
Ricordo ancora la ricerca di pietra focaie e le gare con gli amici per fare le scintille più grosse, sfregandole con la massima energia.
Le scintille di una saldatrice, quelle provocate da un forte attrito,quelle di un accendino...
Sono piccoli lampi di luce che per un istante s’illuminano e spariscono, magari dopo aver acceso un fuoco, illuminato il cielo, colorato e disegnato momenti di gioia e meraviglia.
Sono solo istanti, momenti fugaci, ma anche origine di nuovi processi.
La scintilla dell’innamoramento che dà fuoco al cuore di due innamorati.
La scintilla di un’idea, quella di un’invenzione, o quella origine di un capolavoro.
La scintilla come innesco è l’augurio che mi faccio e che vi faccio.
Essere scintille d’innesco di nuove riflessioni, di dibattiti, di rapporti amicali, di solidarietà e di attenzione per gli altri.
Essere scintilla d’amore per accogliere chi è solo, triste o sofferente.
Speriamo che quelle scintille che inavvertitamente o volutamente danno origine a incendi boschivi, con la conseguente distruzione di ettari di boschi e flora o di incendi di stabilimenti, appartamenti, case, siano sempre di meno.
Speriamo anche che quelle scintille che innescano armi da fuoco, cannoni e bombe dando origine a guerre morti e distruzioni, cessino per sempre di scoccare.
Scrive Baden Powell:
"In India capita spesso di vedere un fachiro che, in seguito ad un voto, tiene un braccio in
alto senza servirsene mai. Quel braccio si dissecca e muore.
Allo stesso modo quella scintilla d’Amore che esiste in ogni uomo, se non viene esercitata, si perde e muore; al contrario,essa s’accresce, prende maggiore forza e diviene ogni giorno più esaltante se la mettiamo in pratica. Servire significa sacrificare il proprio piacere o convenienza per dare una mano a co-
loro che hanno bisogno.
Ebbene se tu metti in pratica il servizio degli altri, giorno per giorno,nelle piccole cose come nelle grandi, ti renderai conto di stare sviluppando in te quella scintilla d’Amore, finché diventerà talmente forte da sollevarti gioiosamente al di sopra di tutte le piccole difficoltà e noie della vita; ti sentirai al di sopra di esse, sarai pieno di buona volontà verso gli uomini,e la coscienza, la voce interiore, ti dirà: "Ben fatto!”.
Questo amore è simile alla Misericordia, che Shakespeare descrive come dotata di una duplice qualità:
di essere una benedizione tanto per colui che dà, come per quello che riceve.
Questo Amore è la “particella divina” che è in ogni uomo, cioè la sua anima.
Più noi dispensiamo al nostro prossimo l’Amore e la Carità, più sviluppiamo la nostra anima.
(...) È qui che risiede per l’uomo la possi bilità di ciò che va sotto il nome di vita eterna: sviluppare la sua anima finché, da particella divina, diviene una parte di Dio stesso. È là che egli trova la felicità di essere un giocatore nella squadra di Dio.
È là che trova la gioia del paradiso, qui ed ora sulla terra e non più tardi in qualche punto indeterminato del cielo".
Allora le tante occasioni che ha ricevuto la Parrocchia in questi mesi, penso in particolare alla Missione cittadina e alla Visita Pastorale dell'Arcivescovo devono essere, insieme alla nostra volontà di camminare alla sequela del Signore, una scintilla d'Amore, una particella di speranza per far nascere una comunità cristiana come vuole il Signore.
La visita di venerdì scorso è stata il segno di una Chiesa che abbraccia le periferie e "va in contro", non resta chiusa ma esce per le strade. "
Il cristianesimo è l’incontro che tocca e cambia la vita,il nostro modo di pensare, di sentiree di agire.
Nella sua radice non è solo dottrina, ma, appunto, un’esperienza di cambiamento dell’io che, avvenendo all’interno delle relazioni in cui siamo sempre immersi, tocca anche gli altri
", ci ha detto il Cardinale venerdì scorso.
L’esempio è evidente a tutti: "come ci accorgiamo di una persona amica si è innamorata, così chi ha incontrato Gesù lo comunica a coloro che sono vicini semplicemente vivendo.
La missione non è strategia, ma è comunicazione di ciò che abbiamo incontrato e che ci permette
di affrontare le circostanze comuni a ciascuno".
Nasce da questa consapevolezza la consegna alla città e al Decanato, espressa con l'espressione di san Massimo il Confessore: “Pensare secondo Cristo e pensare Lui attraverso tutte le cose.
Pensare chinandosi su un povero che non sa dove andare a dormire, guardando a una famiglia con due figli che deve vivere con 1000 euro al mese e pensare Cristo attraverso tutte le cose, magari con fatica, perché fa parte della nostra umanità e non è contraria alla felicità".
Il mese di marzo, partito con la bella e partecipata festa di Carnevale nel nostro Oratorio (Ho visto anche qualche giornalista!), sarà segnato dalla visita a Milano di Papa Francesco sabato 25 Marzo.
Tutti, veramente tutti, siamo invitati a partecipare alla Santa Messa al Parco di Monza con il Santo Padre.
Questo evento unico in questa Quaresima sia la vera scintilla per la nostra
Parrocchia e la Chiesa Ambrosiana tutta.
Preghiamo già da ora affinchè questo appuntamento dia frutto e la forza, l'energia, la fede e la testimonianza di Papa Francesco possano essere fecondi per tutti noi.
Iniziamo questa Quaresima così: come figli "liberi davvero" da tutte le preoccupazioni e dalle difficoltà perchè salvati dal Signore Gesù. Come scintille in questa notte sempre più densa e carica di paure, pronte a riaccendere un fuoco di speranza e pace.
Buon cammino, cari parrocchiani!

E' sempre una festa

Valutazione attuale:  / 0
Non tutti i mesi hanno bisogno di essere i protagonisti e febbraio sembra non averne voglia, con i suoi 28 giorni fa da coda all’inverno e preannuncia la tanto agognata primavera.
Infatti quest’anno, non particolarmente freddo, si sono sentiti cinguettare gli uccellini e abbiamo potuto assaggiare le prime giornate pseudo primaverili con temperature gradevoli.
Ecco perché febbraio ci piace e ci piace raccontare cosa si svolge all’interno del nostro oratorio durante queste poche settimane, trepidanti e contenti nel pensare che tutto si concluderà con il magico Carnevale.
Però il carnevale va preparato e richiede energia ed entusiasmo che si possono trovare soprattutto nelle giovani forze dei nostri ragazzi, aitanti e pieni di spirito d’iniziativa; perché il carnevale sono loro e tutti i bambini che insiemea noi festeggeranno.
Durante questo mese, nelle domeniche in oratorio, ci siamo ritrovati per discutere sulle proposte per il laboratorio di carnevale e permettere giù i primi lavori fatti da noi con il materiale d’oratorio e reperendone
laddove servisse.
E così prende vita il pomeriggio in oratorio, nel bel mezzo di carte e cartelloni colorati, graffette e forbici, pennarelli e matite in uno spazio comune, per condividere idee e raccogliere risultati, nati dal lavoro di squadra e dalla voglia di divertirsi, sempre affiancati da educatori e animatori.
Successivamente, il progetto si estende a più persone e nasce la voglia di fare qualcosa di più grande, così ci si inventa un modo di giocare che riprenda il tema Oratour, proposto dalla Fom per quest’anno, con mappa del mondo disegnata e colorata a mo di tappeto e la sorpresa più bella, un trenino fatto
dagli animatori, per i bambini di seconda elementare.
Realizzato con cartoni e materiale di scarto, pitturato e abbellito e pronto per
sfilare indossato dai bambini.
Stiamo parlando di diverse domeniche (e non solo... anche tanti giorni in settimana) trascorse all’oratorio, insieme, per preparare il carnevale.
In questo progetto si sono investiti tempo e volontà, nel corso di due settimane di divertimento e lavoro, siamo contenti di essere stati utili.
Voler bene al proprio oratorio, che è parte di noi, che ci fa crescere assieme, che ci permette di dare spazio ai nostri talenti e ci aiuta a scoprire chi siamo è doveroso; questo è uno dei tanti piccoli gesti che
possiamo realizzare.
Ci ha fatto visita anche Daniele Iori, professore di storia e geografia, che ha portato la sua esperienza da educatore e professore, in una testimonianza, raccontandoci il suo vissuto all’oratorio di Bareggio e il suo incontro con Dio.
Inoltre il nostro oratorio ha aderito alla proposta ODL (oratori diocesi Lombardia) chiamata “Cresciuti in oratorio” dove i ragazzi dei vari oratori stanno registrando un video parlando della loro esperienza in oratorio e di cosa l’oratorioha insegnato loro, perché l’oratorio per molti è stato un luogo in cui far fiorire le proprie inclinazioni e questo merita di essere raccontato.
Associazioni UILDM e l’associazione amici di Sonia e altre associazioni hanno partecipato alla serata-incontro con i ragazzi e gli educatori degli oratori di
Santa Teresa e Legnarello da noi ospitati qui in Oratorio nel Bar per cenare insieme e ascoltare la condivisione della loro storia professionale e della realtà della loro esperienza nel sociale.
Febbraio è anche il mese in cui il cardinale Angelo Scola, ha fatto visita al decanato di Legnano e ha portato i suoi saluti e la sua benedizione alla moltitudine di gente presente. Direi che qualche fiore è sbocciato anche a febbraio e non solo metaforicamente ma tutto sboccia solo se coltivato e curato, con attenzione e passione, allora si finisce per fiorire e dare frutto e ci rende felici e appagati.
Il carnevale è un evento che elettrizza soprattutto i più piccoli,fatto di colori, maschere, costumi, carri e tanto divertimento ma ricordiamoci che è anche un modo per stare insieme e volerci bene.
Mi auguro che questo carnevale arricchisca non solo i nostri abiti di colori e i nostri volti di trucco e
maschere ma sia anche un modo per abbellire quello che c’è dentro di noi, che ci ricordi quanto è bello stare insieme e festeggiare con gioia ma con uno stile fatto di rispetto e amicizia.
Questo è il carnevale in cui spero e a voi auguro un buon inizio di quaresima!

C'eravamo prima noi

Valutazione attuale:  / 1

Domenica di febbraio. Il bel tempo ci fa sentire quasi in estate. Chissà se durerà? In aula Animatori si lavora al Carnevale mentre sul campo da calcio infuria la battaglia: siamo, come al solito, sul campetto dell’Oratorio in mille contro mille. Non ci sono regole sul numero massimo di giocatori in campo quando si gioca a calcio in Oratorio.

Leggi tutto: C'eravamo prima noi

Perché non partiamo per una missione

Valutazione attuale:  / 0
Andiamo in Missione? Un campo di lavoro in terra di missione?
Forse ne abbiamo sentito parlare! E se ci provassimo anche noi?
Quest’estate la Caritas, le ACLI, le missioni diocesane ne organizzano parecchi, vicini e lontani, facili e difficili. Vedere un paese diverso dal nostro con altra cultura, altro clima... e fermarsi a stare con la gente, lavorarci insieme per aiutare soprattutto i bambini e i ragazzi! Ci vuole un po’ di coraggio e spirito di avventura, oltre la voglia di donare qualche cosa di noi é mettersi un poco alla prova.
Alcuni adulti della parrocchia sono stati sia in Messico che in Africa, ma forse per i giovani va meglio più vicino, in qualche paese tranquillo anche per non mettere in apprensione i genitori e ridurre le spese.
Sarebbe bello girare il modo intero per renderci conto degli stili di vita, delle religioni, delle culture e usanze. Ci sarebbe da ubriacarsi di informazioni an che sconvolgenti rispetto alle nostre certezze.
Ci chiediamo spesso anche perche arrivano tanti emigrati stranieri di paesi lontani che spendano e rischiano. Una esperienza in qualche paese povero può essere illuminante anche per capire se si può prevenire cioè si può collaborare a cambiare qualche situazione nei paesi di provenienza. Il famoso
metodo preventivo di don Bosco!
Don Antonio
Perchè non partiamo per una Missione?
Don Antonio lancia la proposta di un campo lavoro
in terra di Missione. Se provassimo anche noi?
 

La Trinità:un mistero,una famiglia

Valutazione attuale:  / 0
E' vietato parlare della Trinità?
Perchè se è un "mistero" come si fà a parlarne?
Dei misteri si vedono un pò gli effetti, i risultati ma non che cosac'è dentro.
Riusciamo a pensare qualcosa della Trinità guardando alla famiglia perchè anche nella Trinità c'è un padre e un figlio.
E poi c'è uno spirito, il quale è anche santo! Mistero al quadrato! Giacchè ci siamo passiamo alla matematica: uno più uno più uno fa tre.
Ma uno per uno per uno fa uno.
Nella Trinità la relazione intesa come dono e attenzione all'altro è così forte che sono tre e contemporane amente uno.
Potenza dei misteri.
Anche nella famiglia la relazione è fortissima nella relazione matrimoniale e filiale. Per cui la famiglia è tanto più viva e forte quanto più uno collabora se condo le sue forze e possibilità a "essere per", tenendo fresca e simpatica la relazione.
Allora tutte le nostre famiglie sono chiesa e anche quella del prete!
Voi capite che anche noi preti e suore, con voi, vorremmo crescere nella relazione e volerci bene
Ma volerci bene con voi.
Io sono vecchio e un po' consumato per cui vi chiedo se mi date (o ci diamo) una mano a far abitare un po'
di Trinità nelle nostre relazioni.
Anche nel nostro quartiere ci sono tante persone sole, per cui la trinità passa stimolandoci e aiutandoci a costruire ponti e relazioni.
Evviva la Trinità, evviva la famiglia.
Evviva quella famiglia, che è la nostra comunità. 
 

Animazione in quaresima

Valutazione attuale:  / 0
Con domenica 5 Marzo parte la Quaresima in Oratorio "Liberi davvero".
Ecco gli appuntamenti che segneranno il cammino insieme.
DOMENICA 5 MARZO:
11.00 S. Messa. Verrà consegnato un foglio per la preghiera in famiglia e una piccola conchiglia simbolo della luce ai ragazzi dell'Iniziazione Cristiana.
Segno: Parola di Dio
Nel pomeriggio: Canazza’s got talent (mostreremo alcuni dei filmati “Cre
-
sciuti in Oratorio" fatti dai preadolescenti e dagli adolescenti)
17.00: Iniziano i Vespri al Carmelo. In Oratorio preghiera giovani.
VENERDÌ
10 MARZO:
INIZIO VIA CRUCIS RAGAZZI PER TUTTI ALLE 17.00. La
Via Crucis ragazzi fa parte pienamente del percorso di catechesi dell'iniziazione cristiana e dei cammini post-cresima per cui tutti sono invitati.
SA B ATO
11 MARZO:
Ore 10.00
Ritiro 4° Elementare
(per 1 Confessione).
Nel pomeriggio:
Ritiro di Quaresima per tutti i preadolescenti
(2
e 3 Media). Iscriviti dai tuoi Educatori. Il ritiro si concluderà domenica 12.
DOMENICA 12 MARZO:
11.00 S. Messa.
Segno: Brocca della Samaritana.
Alle ore 15.00: 1 Confessione.
DOMENICA 19 MARZO (Festa del papà):
11.00 S. Messa.
Segno: il bastone di Abramo. Consegna germogli di grano.
Nel pomeriggio: Festa dei papà per tutti a cui sono invitati in particolare
i bambini e le famiglie di
2°, 3°, 5° Elementare
. Saranno proposti i
Laboratori "Lavorettiamo" con i papà dell'Oratorio!
17.00: Primo incontro per i ragazzi di 3° Media
19.15: Percorso Animatori TAU con la testimonianza di Davide Colombo.
SA B ATO
25 MARZO:
PAPA A MONZA E A S. SIRO
DOMENICA 26 MARZO:
11.00 S. Messa.
Segno: la candela del cieco nato.
15.00: Battesimi. Nel pomeriggio: giochi.
DOMENICA 2 APRILE:
11.00 S. Messa.
Segno: La veste bianca
Gita ad Acquaworld
 

Il Carnevale

Valutazione attuale:  / 0
 
L'Epifania tutte le feste porta via arriva poi la Candelora che ne ha una panirola: vuol dire che arrivera’ il carnevale con un cestino di feste in modo che avvenga movimentato il proseguodell’esistenza.
Il carnevale ha usanze antichissime: si celebrava nelle ricorrenze per vittorie ottenute, per grandi conquiste fatte, per patti di amicizia e di riconciliazioni e tanti altri avvenimenti importanti.
I popoli hanno sempre cercato la buona riuscita degli avvenimenti percio’ dopo periodi di lutto, carestie disgrazie varie,quando si faceva pace i potenti davano la possibilita’ di recuperare anche il buono che ti offriva la vita. Da un punto di vista storico religioso il carnevale rappresento’ un periodo di feste, soprattutto un rinnovamento simbolico durante il quale il caos sostituiva l’ordine costituito che pero finito il periodo festivo la normalita’ ritornava.
Il carnevale assume le caratteristiche e le usanze dei luoghi di origine,percio’ e’ un periodo piacevole da vivere in qualsiasi posto avvenga.
Fa ritornare in vita la storia,il folclore , le usanze belle o brutte che siano tutto cio’ insomma che le nostre origini ci riportano dall’antichita’.

Share the love

Valutazione attuale:  / 0
Quattro incontri per prepararsi, approfondire il proprio cammino di fede e farsi delle domande importanti. Questi incontri hanno come finalità quella di preparare i ragazzi alla professione di fede, che è il momento
centrale del percorso dei preadolescenti, nel quale affermeranno di starci a credere in Gesù!
Proviamo quindi a far accostare i ragazzi ai contenuti fondamentali della fede cristiana, contenuti nel Credo, tentando fare chiarezza su questi temi, che molto spesso i ragazzi conoscono in modo confuso, così che la
loro professione di fede possa essere il più consapevole possibile.
Il percorso è stato pensato strutturato in quattro incontri, ciascuno su una parte del Credo.
19 MARZO ORE 17.00:
Credo in un solo Dio Padre onnipotente.
Incontro Prof. Fede 1 – “Ma ci credi?”. Segue alle 19.30 Cena e incontro di formazione "TAU" (per capire se "fa per me" l'esperienza di servizio come Animatore in Oratorio)
9 APRILE ORE 16.30:
Dio Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra.
Incontro Prof. Fede 2 – “Ma chi lo vuole un altro padre?”
23 APRILE ORE 16.30:
Credo in un solo Signore Gesù Cristo
Incontro Prof. Fede 3 – “Uno di nome Gesù”
21 MAGGIO ORE 16.30:
Credo la Chiesa una santa cattolica e apostolica.
Incontro Prof. Fede 4 – “Lo Spirito e la Chiesa”

La famiglia secondo noi

Valutazione attuale:  / 0
Mi viene in mente un gruppo di persone che si vogliono bene e si ascoltano
Sara Cudia
Ciao, se mi dici famiglia mi viene in mente casa, affetto, protezione, stare insieme. Per me la famiglia sono le persone più unite a me, possono anche non essere solo famigliari, ma amici... considero famiglia tutte le
persone su cui posso contare sempre e che a loro volta contano su di me.
Giorgia
Mio padre, mia madre, mio fratello e altri componenti
Armando
Famiglia non è solo l'insieme di quelle persone che non ti scegli con cui condividi casa e vita, con loro si può avere un bel rapporto ma purtoppo capita anche il contrario. Famiglia è una persona o più persone, capaci di farti sentire a casa in ogni posto e in ogni occasione.
Famiglia è quando senti che a una persona puoi dire o confessare di tutto, quando senti di poter fare di tutto per loro consapevole del fatto che quando sarà il momento loro faranno lo stesso per te. La famiglia è la nostra vita...
Giulio
Per me famiglia vuol dire stare insieme con i tuoi cari, ma non solo con loro perché famiglia vuol dire anche amicizia oppure anche l'oratorio che si sta sempre in compagnia, giocando o cantando o ballando... comunque siamo sempre una piccola ma grande famiglia. Famiglia vuol dire anche volersi bene,
amare il prossimo e aiutare le persone che ti circondano.
Famiglia è anche stare in sieme cioè capire la persona che ti è affianco e se ha qualche problema aiutarla a superare tutte le difficoltà. La cosa più importante è che bisogna sempre portare in una famiglia l'amore, la felicità e la gioia.
Ognuno di noi abbiamo il proprio ruolo non solo nella nostra vita... ma anche delle persone che ci circondano ovvero la nostra famiglia perché siamo tutti fratelli.
Bastano pochi gesti per rendere una persona felice anche dirgli qualche volta un semplice: ti voglio ben
e.
Asia

Quanta...forza in quest'oratorio

Valutazione attuale:  / 0
Finalmente é arrivato il tanto atteso domenica 26 dove nel nostro oratorio si é fatta una grande festa di carnevale di cui c'erano moltissimi bambini vestiti dal tema star wars e altri bellissimi costumi... I bambini si sono divertiti tantissimo facendo la sfilata con il trenino che noi animatori abbiamo costruito apposta per loro...Dopo tanto divertimento giocando fuori con i oriandoli e la musica siamo entrati al bar per uno spettacolo dal tema star wars dove si é esibita una ragazza e ha fatto un po di trucchetti magici ai bambini di cui sono rimasti sbalorditi e li ha fatti divertire un sacco con il ballo "andiamo a comandare" e "tutto molto interessante " e per il finale una bella fritella calda e un bel trenino fuori.... la giornata é stata molto bella e interressante con tantissimi bambini che si divertivano a lanciare i coriandoli e spruzzare la schiuma dappertutto e noi animatori in mezzo a loro a giocare e a scherzare come se ritornassimo ancora piccoli.... Ma perchè non chiedere ad una bambina che ha partecipato alla festa?
Allora intervistiamo Giorgia!
Quand'è stata la festa di carnevale ??
Domenica 26 Nancy, sono preparatissima.
Con chi sei venuta??
Con mia mamma e il mio cane Sky
Cosa ti é piaciuto di più??
Il trenino, lanciare i coriandoli e lo Spettacolo con una Maga-Jedi.
Da cosa ti sei vestita ??
Dalla regina delle Nevi.
Una cosa brutta di quella giornata ??
Che purtroppo é finita....

Una famiglia...plurisecolare!

Valutazione attuale:  / 0
Quando si parla di famiglia il pensiero va subito a quel nido che dapprima ci ha atteso, poi ci ha accettato e infine accolto, insomma alle relazioni più prossime a ciascuno di noi.
Meno frequentemente ci soffermiamo invece a ricordare i nostri “antenati”, quelli cioè che, formando i vari anelli della generazione umana, hanno permesso a noi di “esserci” e di vivere oggi.
Convinte dell’importanza di conoscere e di attingere alle proprie radici per poter costruire il futuro, vi racconteremo un po’ le origini della nostra famiglia, una famiglia –come dice il titolo – plurisecolare!
Le prime tracce “carmelitane” risalgono al 1200, quando alcuni crociati lasciarono la vita militare per vivere insieme il Vangelo in una piccola comunità situata sul Monte Carmelo, “presso la fonte di Elia”, in Terra Santa. Veri e propri “obiettori di coscienza” dell’epoca!
Qui si diedero una regola – con il nostro linguaggio diremmo un “progetto di vita” - che aveva al centro l’ascolto della Parola, la fraternità e la condivisione dei beni.
Pensavano così di diventare memoria vivente del modo di esistere e di agire di Gesù.
Questi eremiti – così venivano chiamati -, si trasferirono ben presto in Europa dove fondarono conventi maschili prima e monasteri femmini li carmelitani poi che continuarono a vivere quel proposito.
In uno di questi, precisamente nel monastero dell’Incarnazione di Avila (Spagna), entrò nel secolo XVI Teresa d’Avila, la quale, dopo vent’anni di vita in compagnia di 140 monache,sentì il desiderio di continuare la sua sequela del Signore in una comunità piccola, dove tutte le sorelle potessero conoscersi bene e condurre una vera e propria vita di famiglia, un’amicizia profonda – come la chiama lei - cosa non possibile all’Incarnazione per l’elevato numero di monache. Così un gruppetto di monache cominciò con Teresa lo
stile di vita che è arrivato fino a noi... dalla Spagna lungo i secoli.
E così, nel nostro codice genetico noi abbiamo i primi eremiti del Monte Carmelo e Teresa. Senza di loro la nostra famiglia semplicemente non sarebbe esistita.
Non è bellissimo che il Signore abbia suscitato il desiderio di seguirlo,di incontrarlo e di amarlo in chi ci ha
preceduto, così che anche noi venissimo contagiati dalla stessa passione interiore?
Quindi, celebrare la Festa della Famiglia è per noi, ma anche per voi, farememoria di Chi ci ha pensati, voluti e amati “prima della creazione del mondo” – direbbe l’evangelista Giovanni.
È sentirsi parte della Chiesa, la famiglia allargata dove tutti possono ascoltare la Parola della vita e fare
esperienza di figliolanza, di fraternità,imparare ad amare e ad essere amati, al di là dei limiti che ciascuno di noi si ritrova addosso. È coltivare la gioia di “fare corpo” attorno al fratello debole e
ferito per fare di tutta la propria esistenza una “buona notizia”, un messaggio di speranza e di consolazione, un raggio di luce nelle tenebre che a volte sembrano avere il sopravvento in questa nostra storia.
BUONA FESTA, allora in compagnia... delle nostre radici ...“di terra” e “di cielo”!

Venerdi per lui

Valutazione attuale:  / 0
Tutti gli appuntamenti della Quaresima 2017
Ecco le proposte per i venerdì di Quaresima nel nostro Oratorio e nella città di Legnano per gli adulti, i giovani e i ragazzi. Si tratta di appuntamenti non "di contorno" ma centrali per il cammino di fede di ciascuno.
QUARESIMALI
 
Le Parrocchie di Legnano, in collaborazione con l'Azione Cattolica, propongono il percorso quaresimale rivolto a tutta la città con il seguente programma:
Venerdì 10 Marzo: Via Crucis con il Santo Chiodo.
La nostra Parrocchia ha prenotato un Pullman per partecipare a questa speciale Via Crucis per tutta la nostra zona Pastorale 4, che si terrà a Saronno.
Le iscrizioni sono aperte fino a mercoledì 8 Marzo in segreteria Parrocchiale. La quota è di 5 Euro.
Il ritrovo presso il Santuario di Saronno alle ore 21.00 con l'Arcivescovo Angelo Scola. La Via Crucis della zona IV quest'anno sarà qualificata dalla presenza della Reliquia del Santo Chiodo che, incastonata nella Croce di san Carlo, accompagnerà di stazione in stazione il camminodei fedeli.
Volgendosi a lei con sentimenti di profonda venerazione,essi sono invitati a rinnovare la loro professione di fede nel Crocifisso Risorto, a domandare la grazia della remissione dei peccati e a intercedere per la Chiesa e per la società civile un tempo di pace e di prosperità, libero da conflitti laceranti, da diffidenze paralizzanti e da paure che spingono all’odio.
Per il tramite di questa Reliquia, solitamente custodita nel cielo dell’abside del Duomo ma più volte itinerante per le vie e le piazze della Città e della Diocesi a partire dal 1576,anno della peste, i fedeli delle sette Zone pastorali riceveranno la benedizione impartita dall’Arcivescovo, che porterà nelle loro case la potenza salvifica della Croce.
L'ITINERARIO DELLA VIA CRUCIS
1.
PRIMA STAZIONE:
Partendo dalla Piazza del Santuario, a portare la Croce con il Cardinale verso la prima stazione saranno i tanti giovani che proseguono così il cammino iniziato nella Gmg 2016 a Cracovia, a significare la continuità tra quella esperienza con papa Francesco e la sua imminente visita a Milano.
2.SECONDA STAZIONE:
Verso la seconda stazione saranno poi i fratelli cristiani delle Chiese orientali ortodosse, spesso perseguitati, a riportare sotto i riflettori la dura esistenza dei migranti, guidati dal parroco della chiesa cristiana copta di Saronno, l’abuna Maximos. La vicinanza a loro vuole essere un segno di comunione con i fratelli che poco prima di Natale, al Cairo, hanno vissuto il dramma di una bomba esplosa nella loro chiesa,
provocando la morte di 25 fra donne e bambini.
3.
TERZA STAZIONE:
Poi, verso la terza stazione, porteranno la croce con il
Cardinale i tanti lavoratori a rischio delle fabbriche della zona. È un modo per far sentire la solidarietà delle comunità cristiane a chi porta ogni giorno la pesante croce dell’incertezza del lavoro.
4.
QUARTA STAZIONE:
Infine a portare la Croce saranno gli ospedalieri,medici e operatori sanitari che, nel locale ospedale, ogni giorno curano con passione ogni malato, ma che in questi ultimi mesi sono stati sotto il tiro mediatico a causa di alcuni noti fatti di cronaca.
Il cardinale Scola concluderà la Via Crucis nella grande Piazza Libertà, al centro della città, con la sua parola e la solenne benedizione per tutta la Zona pastorale.
In caso di maltempo la celebrazione si svolgerà nella Chiesa prepositurale dei Santi Pietro e Paolo (piazza Libertà).
Venerdì 17 Marzo: Da Babele a Gerusalemme, le città al centro della Bibbia
Presso la Chiesa dei Ss. Martiri di Legnano (Via Venezia, 2) alle ore 21.00 con Don Isacco Pagani (nella foto a sinistra),biblista, Professore di Sacra Scrittura al Seminario Arcivescovile di Milano.
La città nella Bibbia è un tema ampio: vi si ritrovano tutte le contraddizioni della nostra condizione
umana. La città è come una sfera di cristallo in cui è possibile vedere il meglio e il peggio della nostra umanità, e persino di capire quale sarà il nostro futuro.
Venerdì
24 Marzo: Chiese a piedi nudi, per le strade della città
Presso la Chiesa dei SS. Redentore
(Legnanello) alle ore 21.00. Incontro con Stella Morra, teologa della Pontificia Università Gregoriana di Roma, membro del Comitato Scientifico delle rivista Theollgia, della Faculdade de Teologia
della sezione di Braga (Portogallo) della Universidade Catòlica Portuguese e autrice di diverse pubblicazioni sulla misericordia e sulla fede. Durante la serata pregheremo anche per il Papa, che visiterà la Diocesi sabato 25 Marzo.
Venerdì
31 Marzo: Parrocchie in uscita, comunità che fanno squadra
Presso la Chiesa di S. Domenico alle ore 21.00 con Paola Pessina, Presidente della Fondazione
Comunitaria Nord Milano e Sindaco a Rho dal 2002 al 2007 e Mons. Ivano Valagussa, Prevosto di Gallarate.
Venerdì
7 Aprile: Via Crucis di quartiere
Anche quest'anno la Parrocchia propone il venerdì prima dell'inizio della Settimana Santa l'appuntamento con la Via Crucis di quartiere, tra le strade della Canazza.
Un momento in cui tutta la comunità cristiana è chiamata a scendere per le strade e seguire fisicamente la croce di Gesù, senza paura. Sul prossimo numero de "La Vigna sul Colle" in uscita il 26 Marzo, troverai il percorso completo.
La via Crucis partirà dalla Cappella Morganti e seguirà il tradizionale
tragitto.
VIA CRUCIS RAGAZZI
Venerdì
alle 17.00 tutti i bambini dell'iniziazione cristiana e i preadolescenti sono invitati in Chiesa parrocchiale per la Via Crucis ragazzi.
È prevista un’ambientazione «social» per la nuova Via Crucis per i ragazzi realizzata dalla Fom per la Quaresima 2017 dal titolo «Ma dove vai, Gesù?».
Anche il Signore Gesù ha dovuto scegliere liberamente e si è trovato più volte, sulla via della croce, con la possibilità di mollare tutto e salvarsi.
Eppure, stazione dopo stazione, il Figlio di Dio sceglie il bene e decise di percorrere sino in fondo la strada della Passione e della Morte, affidandosi nelle mani del Padre che lo farà risorgere.
Aiuteremo i ragazzi a comprendere il grande valore della libertàdi chi si dona senza condizioni.
Vedremo le scelte di Gesù da diverse angolature. Ci sarà Sebastiano (Che si chiama proprio come il nostro Don!) pronto ad avanzare obiezioni,suggerimenti contrari al Disegno di Dio e a protestare per come le cose sianoandate male (del resto lui è il «bastian contrario») e poi ci sono gli Evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni che, parafrasando le parole dei Vangeliche hanno scritto, accompagnano il Signore contemplando il suo cammino e dando consigli perché anche la nostra strada sia costellata da scelte libere,fatte passo dopo passo.
Il dialogo fra gli Evangelisti e Sebastiano avviene in una dimensione «social» che ci fa interagire non solo con chi scrive ma anche con Gesù che sta compiendo la sua missione, dimostrando di essere «libero
davvero».
La Via Crucis sarà così suddivisa:
VENERDÌ 10 MARZO:
I, II, III Stazione
VENERDÌ 17 MARZO:
IV, V, VI Stazione
VENERDÌ 24 MARZO:
VI, VII, VIII Stazione
VENERDÌ 31 MARZO:
IX, X, XI Stazione
VENERDÌ 7 APRILE:
XII, XIII, XIV Stazione
Sarà un'appuntamento animato e pensato per tutti i ragazzi.
Al termine della Via Crucis ci sarà una piccola caccia al tesoro. Chi troverà dov'è nascosto
Gesù avrà un goloso premio al Bar dell'Oratorio.
VIA CRUCIS DELLA COMUNITÀ
Tutti i venerdì di quaresima alle 8.30 in Chiesa si tiene la tradizionale Via Crucis pensata in particolare per tutti gli adulti della comunità.
 

Sciogliere il ghiaccio

Valutazione attuale:  / 0
l mese di gennaio é arrivato insieme alla neve (qua e la in Italia) e al freddo ancora più pungente e con loro ha portato tante persone, soprattutto anziani, al pronto soccorso. So che vi sareste aspettati quel gennaio carico di neve sui tetti e ai bordi delle strade e l’oratorio candido dagli scivoli fino ai campi da calcio ma aimè o per fortuna non é stato così...
Eh si perché oltre ai fatti di cronaca tristemente noti, non sono mancati gli scivoloni poco divertenti e ancor meno ricercati, del primo vero ghiaccio(intorno alle prime settimanedel mese) che si fa beffa delle suole.
Ma l’oratorio continua, nonscivola mai... anche quando fuori tutto tace e il vento e il freddo sembrano farla da padrone; perciò non sono mancati i nostri mercoledì in oratorio con i ragazzi del doposcuola accompagnati quando opportuno (e soprattutto possibile) da merenda e tè caldo. C'è sempre un bel gruppo di bambini e mamme ed è bello vedere il saloncino pieno così.
Devo dirvi la verità, non é sempre facile dare i giusti consigli ai più giovani e ancor di più tenerli a bada e frenare la loro esuberanza e allegria che nei momenti di studio tende,se in eccesso a farli distrarre.
Ma tutto sommato ci si arrabatta qua e là per loro e per essere sempre un po’ d’aiuto e utili, perché anche quando nessuno te lo chiede c’é sempre qualcosa da fare e siccome l’oratorio é casa nostra vogliamo che sia il più possibile viva
Sciogliere il ghiaccio e funzionale.
Anche le Domenica in oratorio procedono abbastanza bene e anche se non sempre siamo tutti presenti, quando si sta assieme e si condivide del tempo questo aiuta a crescere, sia i più piccoli così come noi giovani.
Ho avuto anche il piacere di poter partecipare all’ abbellimento tramite migliorie del 2° piano dell’oratorio e, attraverso il lavoro di squadra con Driton, ragazzo già comparso sul mensile dell’oratorio, abbiamo incorniciato e appeso tre belle carte geografiche nei punti di
maggiore interesse.
Oratorio é collaborazione e volontà ma soprattutto condivisione e quella, per fortuna,
non manca.
Ah già...i buoni propositi per questo anno appena sbocciato, ancora infreddoliti dallo scorso Dicembre non possiamo però dimenticarci di portare davanti a noi tutte le cose che nel bene e nel male ci trasciniamo dall’anno passato,siano essi buoni propositi o faccende in sospeso; Dio ci dona un nuovo anno e
nuovo tempo per rinfrescarci le idee su quello che più conta e ciò che vale la pena di preservare rispetto a ciò che é meglio abbandonare.
Parlo per lo più di obbiettivi,tutti ne abbiamo e sono un pò come la linfa delle piante o l’energia naturale che c’é in noi, ci fa andare avanti e superare anche il gelo e il freddo dei giorni più difficili e aspri, ma sempre tenendo a mente la meta é possibile non smarrirsi e arrivare fino in fondo nei propositi personali.
Il mio augurio a tutte le persone che ho da poco conosciuto come per quelle che conosco da più tempo e di avere salute e fede, “armi” fondamentali nel percorso di vita alla ricerca continua di se stessi e dell’altro,basi di partenza per operare al meglio anche nella conquista dei propri traguardi come nell’aiuto al prossimo...
 
Luca
 

Sottocategorie